Warning: array_slice() expects parameter 1 to be array, boolean given in /var/www/vhosts/moviengtogaza.indivia.net/htdocs/wp-content/plugins/my-twitter-widget/widget.php on line 168

Warning: key() expects parameter 1 to be array, null given in /var/www/vhosts/moviengtogaza.indivia.net/htdocs/wp-content/plugins/my-twitter-widget/widget.php on line 168

gaza

Articolo del Huffingtonpost su StripLife

buffer_serra

Torino Film Festival 2013. "Striplife". Il documentario sulla vita nella Striscia di Gaza. Abbiamo parlato con uno dei registi Antonia Laterza, l'Huffington Post  |  Pubblicato: 21/11/2013 Striplife racconta la giornata di sette personaggi che in comune hanno poco come stili di vita, età e classe sociale ma legati da un "destino" comune e ineluttabile, quello di essere nati nella Striscia di Gaza, un lembo di terra lungo 41 km e largo appena 6-7 km, che da decenni è in guerra - ad più o meno alta o bassa intensità secondo i periodi- con il suo vicino Israele. Read more

Read more...

Fare satira è un mestiere da disoccupati

IMG_8963

Fare satira a Gaza è un lavoro da disoccupati! Non è facile raccontare al mondo esterno alla striscia quelle che sono le circostanze impossibili in cui si vive qui: lo stadio distrutto, l'accesso al mare per pescare ostacolato dal fuoco continuo delle vedette israeliane, la disoccupazione che raggiunge livelli altissimi, periodi di carenza di combusitibile, 5000 prigionieri politici detenuti nelle carceri israeliane in sciopero della fame, la mancanza di libertà di movimento... E' difficile raccontare questo cercando di far sorridere, cercando di non annoiare un pubblico occidentale che oramai...

Read more...

Onadekom – A Vittorio

vittorio_arrigoni

La sentenza d' appello di oggi ha scontato a quindici anni la pena a Tamer Hasasna e Mahmud Salfiti, condannati lo scorso settembre all'ergastolo per il sequestro e l'assassinio il 15 aprile 2011 di Vittorio Arrigoni, attivista italiano dei diritti del popolo palestinese. Questa sentenza, l'ultima di nove negli ultimi quattro mesi, e' durata solo 10 minuti. Così' fulmineo da non lasciare il tempo a coloro che stanno seguendo il giudizio dall'inizio di rendersi conto e di capire cosa avrebbero voluto, che pena meritano coloro che hanno ammazzato a sangue freddo una persona che ha dato tutto per la causa...

Read more...

Oggi non fumo

IMG_8658

Oggi era pieno di donne che cantavano come in una litania rabbiosa il loro grido di libertà per i figli, mariti e nipoti. Nel cortile della Croce Rossa Internazionale erano tutte sedute per l'incontro settimanale che si ripete da tempo immemore, per chiedere la liberazione dei prigionieri politici che Israele ha seppellito nei suoi carceri lager. A luglio i dati parlano di 4550 prigionieri, tra i detenuti ci sono 220 bambini, e sei donne, la più vecchia delle quali è Lena Jerboni, dei territori occupati nel 1948, e imprigionata da oltre dieci anni. E anche qui basta non avere il permesso...

Read more...

L’ economia dell’ Occupazione

shekel-freepalestine

Quando prendi dei soldi in mano, qui a Gaza, se osservi con attenzione si può leggere la scritta Bank of Israel. Quando sei in un negozio,qui a Gaza, sugli scaffali sono pieni di prodotti (80%) con scritto Made in Israel. Quando sei sul campo di un contadino, qui a Gaza, a ridosso della buffer-zone dove coltivare la terra vuol dire rischiare la vita, sui sacchi del concime o del terriccio c'è scritto Made in Israel. Allora incominciamo a pensare che più che un embargo economico si puo parlare di neo-colonialismo; che Israele, uno degli stati più teocratico al mondo, sta mantenendo sotto...

Read more...

Report 1.0 – Predoni d’Egitto

trip_sinai

Oggi abbiamo incontrato i predoni, quelli veri, al valico di Rafah... Partiti nell'alba della già piena di smog Cairo ci siamo diretti verso la regione nordest del Sinai. A bordo di una vecchia mercedes anni 70 abbiamo attraversato l' Egitto di oggi stretto fra povertà, esclusione sociale e sfruttamento. Pochi giorni fa è stato imposto il coprifuoco a Ismailia, Suez e Port Said. Ore nove inizia il coprifuoco, ore 9 e 1 minuto la gente scende in piazza. A quell'ora di due giorni fa ad Ismailia organizzano una partita di calcio per beffeggiare un governo incapace nei fatti di controllare la popolazione...

Read more...

Operazione “Pillar of defence”

Mercoledì 14 novembre 2012 parte l’operazione “Pillar of Defence” da parte dell'esercito israeliano volta a colpire e rendere inoffensive le postazioni missilistiche di Hamas e di altre "organizzazioni terroristiche", come le definisce Israele che non ha mai riconosciuto Hamas come una forza politica nonostante sia un partito che si presenta alle elezioni ed anzi l'ha sempre considerata una cellula terroristica da fronteggiare attraverso attacchi militari. Prima di questa data il cielo di Gaza fischiava al suono dei droni, elicotteri apache e caccia F16 in un susseguirsi di offensive e controffensive...

Read more...

Iniziativa Movi(e)ngToGaza a Roma 10/11/12

VISIONI_WEB_def

VISIONI DAL MONDO – (ATTRA)VERSO GAZA: forme di resistenza quotidiana in Palestina e per la Palestina. Intervengono: Giovani Palestinesi in Italia / BDS Roma/Italia – campagna internazionale di Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni / Freepalestine Roma / Progetto Moviengtogaza in partenza per Gaza. Collegamenti con Egitto e Gaza Conoscere Gaza e la Palestina tutta significa conoscere una storia di resistenza quotidiana che va oltre i confini delineati dal tentativo di colonizzazione israeliana e che superi la volontà di cancellare la storia e il futuro di milioni di persone. Significa...

Read more...

… A che punto siamo ?

sfondo_corretto.jpg

 Siamo al punto che alle Nazioni Unite Benjamin Netanyahu è intervento con un pennarello... Il premier israeliano ha tracciato una linea rossa sul disegno in stile fumetto di una bomba che ha mostrato alla platea affermando che ''di fronte ad una chiara linea rossa Teheran si fermerà"... definendo inoltre ''diffamatorio'' il discorso pronunciato poco prima da quello stesso podio dal presidente palestinese Abu Mazen , che aveva a lungo puntato il dito contro Israele, accusandolo di condurre una colonizzazione ''razzista'' dei territori palestinesi.  Siamo al punto che i giornali parlano solo...

Read more...

Nakba e apartheid

Gaza City, 15 Maggio 2012: 64 anni dalla Nakba. Il giorno della ‘catastrofe’, quando buona parte degli abitanti arabi della Palestina venne letteralmente cacciata dai confini dello Stato d’Israele, all’indomani della fine del mandato britannico sulla Palestina: si stima che i discendenti dei 700.000 palestinesi cacciati dalle loro terre possano essere oggi circa 4.250.000. Abbiamo incontrato Haidar Heid, portavoce del BDS e professore di Cultural Studies dell’università Al Aqsa, che ci ha fatto un interessante parallelismo fra Apartheid sudafricana ed Apartheid palestinese: due vicende...

Read more...