Warning: array_slice() expects parameter 1 to be array, boolean given in /var/www/vhosts/moviengtogaza.indivia.net/htdocs/wp-content/plugins/my-twitter-widget/widget.php on line 168

Warning: key() expects parameter 1 to be array, null given in /var/www/vhosts/moviengtogaza.indivia.net/htdocs/wp-content/plugins/my-twitter-widget/widget.php on line 168

Video

Striplife, Gaza in a day – Il teaser -

sostieni

MOVIENGTOGAZA è un progetto per la realizzazione di un film collettivo. Striplife, Gaza in a day è il nome del film il cui obbiettivo è descrivere Gaza attraverso la vita quotidiana di personaggi, caratterizzata da piccoli ma profondi segni di resistenza. Il film è realizzato realizzato da videomakers italiani e palestinesi, condividendo idee, storie, visioni e competenze tecniche. Non un film su Gaza, ma con Gaza. Una striscia di terra distrutta dalle continue guerre, una prigione a cielo aperto di cui parlano tutti i giornali ma che nasconde complessità e diversità che non sono ancora...

Read more...

Gaza blob pro

video_click

Ogni mattina la striscia si sveglia continua a ricostruire le strade e le case distrutte dai bombardamenti. Si compra il pane e si fa colazione con i falafel. Piano piano le strade si riempiono di automobili, di carretti trainati da asini, di biciclette e bambini che vanno a scuola. L'artigiano comincia il proprio mestiere nel suo spazio e il commerciante apre il suo banchetto al mercato. Qualsiasi spiazzo in cui poter immaginare una porta da calcio diventa un campetto dove i ragazzini giocano a pallone. Tra le macerie dei bombardamenti, la presenza continua dell'assedio, il ricordo costante...

Read more...

La crisi energetica a Gaza

Da anni la crisi energetica a Gaza è un grave problema. L'unica centrale elettrica della striscia riesce a produrre solo fra il 30 ed il 50% del fabisogno di corrente e la mancanza di petrolio e benzina che si sta verificando ormai da mesi aggrava le già difficilissime condizioni di vita dei suoi abitanti. In Egitto il petrolio spesso scrseggia, Israele vende il suo ad un prezzo triplo rispetto a quello egiziano. Secondo quanto annunciato da fonti ufficiali, domani mattina, dopo lunghe trattaive diplomatiche iniziate il mese scorso, 153.000 litri di carburante donati dal Qatar, verranno...

Read more...

Nakba e apartheid

Gaza City, 15 Maggio 2012: 64 anni dalla Nakba. Il giorno della ‘catastrofe’, quando buona parte degli abitanti arabi della Palestina venne letteralmente cacciata dai confini dello Stato d’Israele, all’indomani della fine del mandato britannico sulla Palestina: si stima che i discendenti dei 700.000 palestinesi cacciati dalle loro terre possano essere oggi circa 4.250.000. Abbiamo incontrato Haidar Heid, portavoce del BDS e professore di Cultural Studies dell’università Al Aqsa, che ci ha fatto un interessante parallelismo fra Apartheid sudafricana ed Apartheid palestinese: due vicende...

Read more...

GAZA STRIP 2012_05_02/03 KAN-YUNIS-KHUZAÁ FARMING ACTION

IMG_8271mini

Mercoledi 2 maggio, Gaza. Le incursioni dell'esercito isareliano nella cosidetta "buffer zone" (territorio palestinese al confine con quello israeliano che viene di fatto controllato da questi ultimi) mirano a impedire ai contadini palestinesi di coltivare le loro terre. In questo modo si aggravano le condizioni di indigenza di un popolo già  costretto a forti sacrifici per via dell'embargo. --> SCARICA IL VIDEO AD ALTA QUALITA' Articolo riferito al nostro report audio del 2 maggio --> ASCOLTA IL REPORT

Read more...

FARMING ACTION

farming_actionWEB

24_04_12 Striscia di Gaza: supportando gli accompagnamenti ai contadini dell'International Solidarity Movement Sveglia quasi all’alba, dopo poche ore di sonno e con ancora in testa le ultime parole scritte ieri notte. Assieme agli attivisti di International Solidarity Movement (ISM) ci rechiamo al villaggio di Khuza’a per fare accompagnamento ai contadini che raccolgono il grano nei loro campi adiacenti alla buffer zone. Questa zona è la più bella e pericolosa di Gaza e fino al 2005 era abitata solo da coloni, circa 8000 suddivisi in 21 insediamenti, i quali venivano protetti da circa...

Read more...