Warning: array_slice() expects parameter 1 to be array, boolean given in /var/www/vhosts/moviengtogaza.indivia.net/htdocs/wp-content/plugins/my-twitter-widget/widget.php on line 168

Warning: key() expects parameter 1 to be array, null given in /var/www/vhosts/moviengtogaza.indivia.net/htdocs/wp-content/plugins/my-twitter-widget/widget.php on line 168

Diario di Bordo

Report 1.0 – Predoni d’Egitto

trip_sinai

Oggi abbiamo incontrato i predoni, quelli veri, al valico di Rafah... Partiti nell'alba della già piena di smog Cairo ci siamo diretti verso la regione nordest del Sinai. A bordo di una vecchia mercedes anni 70 abbiamo attraversato l' Egitto di oggi stretto fra povertà, esclusione sociale e sfruttamento. Pochi giorni fa è stato imposto il coprifuoco a Ismailia, Suez e Port Said. Ore nove inizia il coprifuoco, ore 9 e 1 minuto la gente scende in piazza. A quell'ora di due giorni fa ad Ismailia organizzano una partita di calcio per beffeggiare un governo incapace nei fatti di controllare la popolazione...

Read more...

report 0.1

MideastEgypt

Bella... siamo arrivati al Cairo. Moviengtogaza è ripartito Problemi all'aeroporto pochi, qualche domanda ma nulla più. Il cavalletto della camera non è arrivato, speriamo arrivi domani... Dal nostro albergo (pension roma) appena arrivati, si sente l'odore acre nell'aria di  copertone e lacrimogeni. Oggi ci sono stati scontri, non solo al cairo, come avrete potuto leggere sui giornali di mezzomondo e i morti sono oltre 40 in questi ultimi 3 giorni; c'è il coprifuoco in tre città (suez,portsaid,ismailia) e il parlamento ha votato leggi speciali che permettono all'esercito di intervenire...

Read more...

Cessate il fuoco

Mercoledì 21 Novembre 2012, se per qualcuno è stato un giorno di ordinaria quotidianità, per altri è una data che passerà alla storia. Dopo giorni di trattative, 164 morti palestinesi (di cui 35 bambini e 23 donne) e 1300 feriti, al Cairo alle 19.30 circa viene firmato il cessate il fuoco fra Israele e Gaza, annunciato in una conferenza stampa dal ministro degli Esteri egiziano, Mohamed Kamel Amr e dal segretario di Stato Usa, Hillary Clinton. Nonostante si parlasse da giorni di questa trattativa nella notte precedente l'accordo e nelle prime ore del giorno, Israele ha attaccato la Striscia...

Read more...

Operazione “Pillar of defence”

Mercoledì 14 novembre 2012 parte l’operazione “Pillar of Defence” da parte dell'esercito israeliano volta a colpire e rendere inoffensive le postazioni missilistiche di Hamas e di altre "organizzazioni terroristiche", come le definisce Israele che non ha mai riconosciuto Hamas come una forza politica nonostante sia un partito che si presenta alle elezioni ed anzi l'ha sempre considerata una cellula terroristica da fronteggiare attraverso attacchi militari. Prima di questa data il cielo di Gaza fischiava al suono dei droni, elicotteri apache e caccia F16 in un susseguirsi di offensive e controffensive...

Read more...

… A che punto siamo ?

sfondo_corretto.jpg

 Siamo al punto che alle Nazioni Unite Benjamin Netanyahu è intervento con un pennarello... Il premier israeliano ha tracciato una linea rossa sul disegno in stile fumetto di una bomba che ha mostrato alla platea affermando che ''di fronte ad una chiara linea rossa Teheran si fermerà"... definendo inoltre ''diffamatorio'' il discorso pronunciato poco prima da quello stesso podio dal presidente palestinese Abu Mazen , che aveva a lungo puntato il dito contro Israele, accusandolo di condurre una colonizzazione ''razzista'' dei territori palestinesi.  Siamo al punto che i giornali parlano solo...

Read more...

CONTINUANO I BOMBARDAMENTI SULLA STRISCIA DI GAZA

Oggi martedì 5 giugno, intorno alle 23 Gaza veniva bombardata più volte. Negli ultimi giorni i raid si sono succeduti quasi ogni notte, da quando un attivista jihaidista della resistenza palestinese ha superato i confini della striscia per entrare in territorio israeliano con l'intento di far esplodere un kibbutz. Uno scontro a fuoco fra questo ed un militare israeliano, che sorvegliava l'area, è costato la vita ad entrambe. Successivamente un aereo israeliano ha sganciato una bomba su un mezzo di trasporto con a bordo 4 attivisti jihaidisti, uccidendoli. Nella sotte fra sabato e domenica...

Read more...

PRIMO GIUGNO A GAZA, FUCILI E BOMBE

Questa mattina a Gaza il sole non si è levato silenzioso come le altre volte, anzi è esploso prima nel cielo e poi sulle strade e ha lasciato morti e feriti. Era notte tarda quando il nostro amico Mohamed stava camminando lungo la spiaggia. Tutto in torno era buio e l'unica cosa che si sentiva erano i suoi passi e quelli del compare col quale stava rientrando a casa. La spiaggia di Gaza è magica quando è deserta, quando l'unica luce che vedi proviene dalle stelle o dalle barche dei pescatori che anche questa notte hanno sfidato i fucili israeliani. Quando senti sparare quei colpi, anche...

Read more...

BREAKING NEWS-Carro armato israeliano spara sulle case dei contadini

A Gaza si spara quasi ogni giorno. Confini qui significa esercito armato che invade, minaccia, occupa, ma non spaventa più. Il problema qui non è tenersi informati, è dimenticare. Impegnarsi per la Palestina significa concentrarsi sulla popolazione che vuole vivere una vita normale. I bambini hanno bisogno di giocare e ridere, gli anziani di distrarsi perchè la consapevolezza è anche troppo alta, c'è bisogno di ridere, mentre alcuni si occupano di diffondere informazione. Per strada non ci si racconta cosa succede sulla buffer zone, o in mare, perchè è sempre la stessa cosa ormai da troppi...

Read more...

GAZA LA AMI O LA ODI

IMG_8775mini

Gaza o la ami o la odi, non ci sono mezzi termini. La sua gente ospitale e gentile, sempre allegra e positiva, che guarda avanti e accoglie gli stranieri come amici di sempre. Gaza vuole sapere tutto di te e ti trascina fra i suoi mille vialetti e situazioni. Gaza non dorme mai, coi suoi blogger che scrivono e pubblicano fino a tarda notte. Gaza della religione e delle tradizione, Gaza degli studenti arrabbiati che vogliono un futuro di verità e libertà. Gaza di chi ne ha paura e di chi ti protegge perchè sei straniero. Gaza che ti vede come un eroe perchè sei li e potresti non starci. Gaza...

Read more...

SCIOPERO DELLA FAME A GAZA IN SOLIDARIETA’ AI PRIGIONIERI 2

IMG_9308mini

Gaza, una striscia di terra di 360 km/q percorribili in una o due ore di automobile, variabili a seconda delle condizioni delle strade e dell'auto che si guida, vive compressa dentro ai suoi confini che vengono sorvegliati e "protetti" dall'esercito israeliano. La striscia di Gaza è circondata quasi totalmente da un muro alto sei metri di cemento armato che solo i militari dell'esercito di occupazione possono oltrepassare durante le loro inaspettate incursioni o esercitazioni (organizzate con carri armati e proiettili veri su gente vera che viene ferita ed uccisa davvero). Ci sono due soli ingressi...

Read more...